puntata 12

23 ottobre – Gioconda (e non solo): per costruire insieme l’ambiente che ci circonda

Dalle 10 alle 11,15 di giovedì 23 ottobre la puntata avrà per tema i giovani e l’ambiente e vedrà in studio i protagonisti (o meglio: le protagoniste) di almeno tre progetti di cui l’Istituto di Fisiologia Clinica dell’Area della Ricerca di Pisa è coordinatore.

Nel primo di questi, Gioconda (http://gioconda.ifc.cnr.it/), l’idea è quella di monitorare l’ambiente – in particolare la qualità dell’aria e il rumore – attraverso i più giovani. Attraverso una piattaforma online Gioconda rende partecipi i giovani cittadini delle decisioni su ambiente e salute nella città dove abitano chiedendo loro cosa pensano, vogliono e sono disposti a fare per migliorare la situazione. Sulla base di questi dati, da presentare e discutere insieme in classe, oltre all’implicita sensibilizzazione verso l’argomento, si costruiscono raccomandazioni da portare agli amministratori locali in eventi dedicati.

Il progetto Mapec (http://mapec-life.eu/) si occupa di monitorare gli effetti dell’inquinamento atmosferico sui bambini a supporto delle politiche di sanità pubblica. Per quanto gli effetti nocivi sulla salute dell’inquinamento atmosferico siano ben documentati, i bambini sono più vulnerabili degli adulti agli effetti degli agenti aerodispersi, per diverse ragioni: maggiore attività fisica, più tempo all’aperto, maggiore quantità di aria inalata per unità di peso, immaturità di alcuni organi, tra cui i polmoni, e dei meccanismi di riparazione cellulare.

Infine il progetto Persuaded (http://www.iss.it/lifp/index.php) che prende di mira… i giocattoli (e non solo). Degli ftalati infatti abbiamo spesso sentito parlare in relazione ai giocattoli. Questi, assieme al Bisfenolo A (BPA), sono composti diffusamente utilizzati come plasticizzanti, non persistenti nell’ambiente e rapidamente metabolizzati dagli esseri umani. Si sa che sono dichiaratamente indicati come interferenti endocrini, ossia in grado di perturbare il funzionamento del sistema endocrino. La documentata esposizione a queste sostanze – come fattori che potenzialmente possono influire sulla salute umana – rende il loro studio di importanza fondamentale.
Infatti, in Italia circa il 10% dei bambini fra I 6-10 anni sono obesi, mentre alterazioni del timing della pubertà sono registrati in 1/5000 bambini, con netta prevalenza nelle femmine. Il progetto si propone principalmente di misurare i livelli interni dei metaboliti di queste due sostanze nei gruppi vulnerabili e suscettibili della popolazione, quali bambini e adolescenti e le loro madri, quali specifici indicatori di stile di vita e alimentazione.

A parlarne in studio con Massimo Marini ci saranno:

  • l’Assessore all’Ambiente del Comune di Pisa Salvatore Sanzo e
  • per il progetto Gioconda: Liliana Cori project manager del progetto Gioconda ed Elena Ascari, società I-POOL, spin-off CNR che si occupa del monitoraggio del rumore;
  • per il progetto Mapec: Beatrice Casini dell’Azienda Ospedaliera-Universitaria Pisana e Gabriele Donzelli, assegnista ricerca e divulgazione/organizzazione del progetto;
  • per il progetto Persuaded: Melania GagginiEmma Buzzigoli e Chiara Saponaro, Istituto di Fisiologia del CNR.

in collegamento telefonico:

Giorgio Assennato – direttore generale ARPA Puglia e dell’Unità Operativa di Gioconda a Taranto.

Non mancate!

locandina della puntata
locandina della puntata

Il CNR va in onda