8. La scuola italiana e le tecnologie digitali: un rapporto mai nato?

Il rapporto tra nuove generazioni e Internet e l’utilizzo consapevole dei nuovi media digitali è senza dubbio uno dei temi di maggiore interesse negli ultimi anni. Se ne parla a scuola, sui giornali, in televisione e in radio. Spesso Internet viene identificato da genitori e insegnanti come un nemico da cui i bambini devono imparare a difendersi, più che come una risorsa da sfruttare con i giusti accorgimenti. Sembra che nell’immaginario di molti genitori e insegnanti,  Internet faccia più paura dello sconosciuto che offre ai bambini le caramelle o le figurine  all’uscita della scuola. E’ un paragone un po’ forte che però rappresenta bene  la diffidenza che c’è da una certa parte del mondo dell’educazione nei confronti delle tecnologie digitali.  Una diffidenza frutto, nella maggior parte dei casi, della mancata conoscenza degli strumenti digitali da parte degli educatori e dei formatori, che invece dovrebbero promuovere l’utilizzo di questi strumenti anche a fini didattici.
Le nuove tecnologie digitali infatti possono essere da aiuto all’insegnamento? Come?  O sono un elemento di distrazione in più per i bambini, in classe?  E nelle scuole primarie, oltre alle normali materie scolastiche, sarebbe giusto introdurre una nuova materia: l’”Educazione digitale”? Parleremo del difficile rapporto tra scuola e tecnologie digitali, giovedì 12 gennaio dalle 10 nella prossima puntata di Aula 40. Seguiteci sulle frequenze di Punto Radio (91.1-91.6) o in streaming su www.cnrweb.tv.
In studio, con Massimo Marini, saranno nostri ospiti:

•    Maria Luisa Chiofalo, Assessora per le Politiche Socio-Educative e Scolastiche e per la Promozione della tecnologie digitali per la formazione del Comune di Pisa;
•    Lo staff della Ludoteca del Registro .it : Giorgia Bassi, Beatrice Lami, Claudia Mazzanti e Manuela Moretti;
•    Fabio Viola , esperto di gamification e creatore della start up DigitalFun;
•    Cristina Morelli, docente dell’Istituto Comprensivo Toniolo di Pisa;

In collegamento telefonico:
•    Rob O’Leary, coordinatore del progetto europeo Digital Schools of Europe (DSoE);
•    Benedetta Emanuela Palladino, ricercatrice del dipartimento di Scienze della Formazione e Psicologia dell’ Università degli Studi di Firenze.aula40-08-20170112

Il CNR va in onda