Puntata 3

6 marzo: Smart City, la città che ti aiuta a vivere meglio

Arrivare in una città e trovare indicazioni per sapere dove parcheggiare. Questo è il primo passo che già in molti comuni è stato attuato: semplici cartelli a led, ben visibili, che ci dicono in tempo reale quanti posti liberi ci sono nei parcheggi più vicini a dove ci troviamo. È un primo passo cui dovrebbero seguirne altri: poter pagare quello stesso parcheggio direttamente sul nostro conto corrente bancario che nostro il telefono cellulare può far comunicare con il parchimetro. Avere una rete wi-fi estesa e gratuita che ci permette di far dialogare i nostri dispositivi portatili con sistemi integrati in città, in grado di offrirci informazioni utili come farmacie vicine, sportelli bancomat e notizie di quel che accade in città.
Il progetto Smart Cities, città intelligenti, nasce a livello mondiale perché mondiale è un dato che ha fatto riflettere molti: dal 2011, per la prima volta nella storia dell’umanità, più della metà (per la precisione il 52,1%) della popolazione mondiale vive nelle città e in aree fortemente urbanizzate. Da qui l’esigenza, avvertita in prima battuta dalle megalopoli mondiali di offrire i primi esempi di implementazione intelligente delle tecnologie al fine di migliorare la vita comune e ridurre gli sprechi negli ambiti più disparati, che vanno dal settore energetico a quello della gestione dei rifiuti.
Anche in Italia le smart cities sono sempre più una realtà: Agordo (Belluno), Riccione e Siracusa sono i tre Comuni italiani «Smart Cities Living Lab» , vincitori della selezione prevista dall’accordo siglato dal Consiglio nazionale delle ricerche (Cnr) con l’Associazione nazionale comuni italiani (Anci) e indetta lo scorso luglio. Saranno i primi a sperimentare le metodologie e le soluzioni sviluppate nell’ambito del Progetto Cnr «Energia da fonti rinnovabili e Ict per la sostenibilità energetica», trasformandosi in esempi di ‘città intelligenti’, da estendere in seguito nel maggior numero possibile di realtà territoriali.

Ne parleremo in studio con: Mirco Nanni, ricercatore dell’Istituto di Scienza e Tecnologie dell’Informazione; Andrea Passarella, ricercatore dell’Istituto di Informatica e Telematica; Giuseppe Anastasi, professore ordinario presso il Dipartimento di Ingegneria dell’Informazione dell’Università di Pisa e direttore del Master di II livello in Smart cities; Alessio Antonelli, sindaco di Càscina e Luca Conti, presidente della Cooperativa «Arca», società che fornisce servizi ambientali (gestione rifiuti urbani, speciali e sanitari, igiene urbana, gestione del verde, facchinaggio…) e servizi di facility management.

Al telefono invece interverranno Domenico Laforenza, presidente dell’Area della Ricerca Cnr di Pisa e direttore dell’Istituto di Informatica e Telematica; Giorgio Mosca, vicepresidente Smart Cities Sales & Marketing, divisione Security & Smart Systems di Selex ES, società leader nelle soluzioni smart nei diversi settori (aeroportuale, energetico); Vincenzo Raffaelli, manager dello Smart Services Cooperation Lab di Bologna.

Come sempre in studio con Massimo Marini. Restate in ascolto!

locandina della terza puntata
locandina della terza puntata