Puntata 3

6 marzo: Smart City, la città che ti aiuta a vivere meglio

Arrivare in una città e trovare indicazioni per sapere dove parcheggiare. Questo è il primo passo che già in molti comuni è stato attuato: semplici cartelli a led, ben visibili, che ci dicono in tempo reale quanti posti liberi ci sono nei parcheggi più vicini a dove ci troviamo. È un primo passo cui dovrebbero seguirne altri: poter pagare quello stesso parcheggio direttamente sul nostro conto corrente bancario che nostro il telefono cellulare può far comunicare con il parchimetro. Avere una rete wi-fi estesa e gratuita che ci permette di far dialogare i nostri dispositivi portatili con sistemi integrati in città, in grado di offrirci informazioni utili come farmacie vicine, sportelli bancomat e notizie di quel che accade in città.
Il progetto Smart Cities, città intelligenti, nasce a livello mondiale perché mondiale è un dato che ha fatto riflettere molti: dal 2011, per la prima volta nella storia dell’umanità, più della metà (per la precisione il 52,1%) della popolazione mondiale vive nelle città e in aree fortemente urbanizzate. Da qui l’esigenza, avvertita in prima battuta dalle megalopoli mondiali di offrire i primi esempi di implementazione intelligente delle tecnologie al fine di migliorare la vita comune e ridurre gli sprechi negli ambiti più disparati, che vanno dal settore energetico a quello della gestione dei rifiuti.
Anche in Italia le smart cities sono sempre più una realtà: Agordo (Belluno), Riccione e Siracusa sono i tre Comuni italiani «Smart Cities Living Lab» , vincitori della selezione prevista dall’accordo siglato dal Consiglio nazionale delle ricerche (Cnr) con l’Associazione nazionale comuni italiani (Anci) e indetta lo scorso luglio. Saranno i primi a sperimentare le metodologie e le soluzioni sviluppate nell’ambito del Progetto Cnr «Energia da fonti rinnovabili e Ict per la sostenibilità energetica», trasformandosi in esempi di ‘città intelligenti’, da estendere in seguito nel maggior numero possibile di realtà territoriali.

Ne parleremo in studio con: Mirco Nanni, ricercatore dell’Istituto di Scienza e Tecnologie dell’Informazione; Andrea Passarella, ricercatore dell’Istituto di Informatica e Telematica; Giuseppe Anastasi, professore ordinario presso il Dipartimento di Ingegneria dell’Informazione dell’Università di Pisa e direttore del Master di II livello in Smart cities; Alessio Antonelli, sindaco di Càscina e Luca Conti, presidente della Cooperativa «Arca», società che fornisce servizi ambientali (gestione rifiuti urbani, speciali e sanitari, igiene urbana, gestione del verde, facchinaggio…) e servizi di facility management.

Al telefono invece interverranno Domenico Laforenza, presidente dell’Area della Ricerca Cnr di Pisa e direttore dell’Istituto di Informatica e Telematica; Giorgio Mosca, vicepresidente Smart Cities Sales & Marketing, divisione Security & Smart Systems di Selex ES, società leader nelle soluzioni smart nei diversi settori (aeroportuale, energetico); Vincenzo Raffaelli, manager dello Smart Services Cooperation Lab di Bologna.

Come sempre in studio con Massimo Marini. Restate in ascolto!

locandina della terza puntata
locandina della terza puntata
Print Friendly, PDF & Email

Il CNR va in onda