5. Vietato parlare di calcio

Quanti di voi sanno cos’è il curling? E il wakeboard? E l’arrampicata? Chi di voi conosce le regole del rugby?

In realtà sono sport anche questi, con le loro regole, le loro competizioni e i loro campioni, ma con una caratteristica in meno: la popolarità. E’ per questo motivo che vengono spesso chiamati “minori”, per indicare che non godono dello stesso spazio e degli stessi investimenti degli sport più conosciuti, più seguiti e più praticati.

Che cosa ci spinge a pensare che si tratti di sport meno importanti e quindi anche meno benefici e meno impegnativi?  Da quale punto di vista giudichiamo questi caratteri?

“Lo sport fa bene alla salute” è una di quelle frase che tutti sentiamo e ripetiamo, ma qualunque sport fa bene alla salute. Praticare uno sport fa bene alla salute, non praticare uno sport “famoso”.

Ogni sport, qualunque esso sia, sviluppa e accresce abilità di diverso tipo e fa bene alla salute mentale e fisica di chi lo pratica; lo sportivo impara in ogni a caso a mettersi in gioco, a migliorarsi, a relazionarsi con gli altri, ad organizzare il proprio tempo, a rispettare regole stabilite e a dare sempre il meglio di sé.

E’ la passione che spinge una persona a scegliere uno sport rispetto ad un altro ed è questa passione lo stimolo per continuare a praticarlo e a sentirsi e definirsi atleta anche se non si appare sui grandi schermi.

In questa puntata di “Aula 40”, parleremo di sport, l’unica regola sarà “vietato parlare di calcio”. Ci concentreremo in particolare sugli aspetti positivi, sia in termine di salute che educativi di queste discipline sportive che sicuramente sono meno conosciute, ma non meno importanti degli sport più seguiti. Cercheremo di stimolare la vostra curiosità verso gli “sport minori”, per provare, insieme, a  conoscerli meglio.

Ne parleremo giovedì 17 novembre dalle 10, in onda sempre sulle frequenze di Punto Radio (91. 1 – 91.6) e in streaming sulla web tv del Cnr (www.cnrweb.tv), insieme a Massimo Marini e ai giovani giornalisti del Liceo Scientifico Filippo Buonarroti di PisaLeonardo Aquila, Francesco Bouchard, Marta Filomena, Alice Marrucci, Luisa Pessina.

Ospiti in studio:

  • Salvatore Sanzo, Presidente CONI Regione Toscana;
  • Francesco Martinelli, schermidore e istruttore di scherma del Club Scherma Pisa “Antonio Di Ciolo”;
  • Gino Santoro, Direttore del reparto di Medicina dello Sport dell’Azienda Ospedaliera Universitaria Pisana;
  • Luca Pappalardo, ricercatore dell’Istituto di Scienze e Tecnologie delle Informazione del Cnr (Isti-Cnr);
  • Paolo Cintia, ricercatore dell’Istituto di Scienze e Tecnologie delle Informazione del Cnr (Isti-Cnr);
  • Mirko Passera, apneista e operatore tecnico del Servizio Multimedia dell’Istituto di Fisiologia Clinica del Cnr (Ifc-Cnr);
  • Marco Alestra, docenti di Scienze Motorie e Sportive presso il Liceo Filippo Buonarroti di Pisa;
  • Michele Ferri, capitano 1a squadra maschile di rugby del Cus Pisa;
  • Tommaso Pioli, capitano 2a squadra maschile di rugby del Cus Pisa;
  • Tommaso Chiappelli, schermidore;
  • Viola Berrugi, atleta;
  • Teona Manolache, ginnastica artistica;
  • Damiano Mazzantini, arrampicata libera indoor;
  • La classe 3a AS del Liceo Filippo Buonarroti di Pisa;

aula40-05-20161116

Il CNR va in onda