12. Verso l’Infinito e oltre!

Anche in questa stagione di Aula 40 non poteva mancare il consueto appuntamento con l’Astronomia e l’Astrofisica. Sarà un viaggio nello spazio che inizieremo approfondendo la recente scoperta del sistema di pianeti che ruota attorno alla stella nana rossa “Trappist – 1”, un lontano “cugino” del nostro Sistema Solare, popolato da pianeti grandi più o meno come la nostra Terra, e che, magari, potrebbero ospitare delle forme di vita.

Ci chiederete se le domande saranno sempre le stesse: quanto tempo ci servirà per raggiungere questi nuovi mondi? Quando finalmente l’uomo riuscirà a viaggiare e esplorare lo spazio come in alcune serie televisive come “Star Trek” o “Firefly”?

Sì, non possiamo escludere che queste domande vengano fatte durante questa puntata. Ma questa volta cercheremo di dargli una risposta più pratica che teorica. Come?

Presentandovi alcune ricerche e tecnologie che renderanno meno pericolosi e più efficienti i viaggi nello spazio. L’obiettivo di queste ricerche è infatti quello di trovare una soluzione ad alcuni problemi che riguarderanno i viaggi interplanetari (in un futuro prossimo) e intergalattici (in un futuro sicuramente più lontano): la salute e la sicurezza dell’astronauta, il riscaldamento della navicella spaziale in assenza di gravità o il problema dei detriti spaziali che costituiscono un pericolo aggiuntivo nei viaggi delle navicelle. Ma anche le soluzioni che la bio-ingegneria aerospaziale ha introdotto nella vita di tutti i giorni.

Insomma, quella di giovedì 9 marzo sarà una puntata galattica. Non resta che seguirci dalle 10, sintonizzandovi sulle frequenze di Punto Radio (91.1 – 91.6) o in streaming su www.cnrweb.tv.

Ospiti della puntata :

  • Luciano Anselmo, responsabile del Laboratorio di Dinamica del Volo Spaziale dell’Istituto di Scienze e Tecnologie dell’Informazione del Cnr di Pisa (Isti-Cnr);
  • Lorenzo Barsocchi e Edoardo Pratelli, membri del team “U-Phos”, un progetto realizzato da studenti e docenti della facoltà di Ingegneria dell’Università di Pisa per lo sviluppo di una pompa di calore da installare nelle navicelle spaziali;
  • Andrea Ferrara, professore ordinario di Astronomia e Astrofisica della Scuola Normale Superiore di Pisa;
  • Marco Laurino, ricercatore dell’Istituto di Fisiologia Clinica del Cnr di Pisa (Ifc-Cnr);

In collegamento telefonico:

  • Massimo Meneghetti, ricercatore dell’Istituto Nazionale di Astrofisica (Inaf) di Bologna.

Il CNR va in onda