12. La mobilità del futuro? Sarà verde e intelligente.

Il tema della mobilità sostenibile è diventato uno degli argomenti di maggiore dibattito nell’ambito delle politiche ambientali locali, nazionali e internazionali volte a ridurre l’impatto ambientale derivante dalla mobilità delle persone e delle merci .

I recenti blocchi del traffico in molte città italiane, provocati dal superamento della soglia minima delle emissioni di polveri sottili, ci dimostra quanto questo problema sia di stretta attualità e come la mobilità sia legata a doppio filo con la salute pubblica.

Oltre all’emissione di gas serra e all’inquinamento atmosferico, la mobilità urbana genera altri “costi sociali” legati all’inquinamento acustico, alla congestione del traffico, all’infortunistica stradale e ai consumi energetici.

La risposta all’esigenza di razionalizzare e rendere più sostenibile la mobilità pubblica sono le tecnologie della “smart mobility”.

Mobilità intelligente significa gestire i flussi di traffico, ridurre i disservizi e i tempi morti di attesa nelle code; progettare infrastrutture con bassi costi di gestione e più funzionali; responsabilizzare i cittadini in un’ottica di guida sicura; pianificare la mobilità per ottimizzare al massimo l’uso delle reti esistenti.

Risultati che si possono raggiungere solo grazie alla sinergia tra Pubblica Amministrazione, Enti di Ricerca e Industria.

Una possibile soluzione arriva dall’Istituto di Informatica e Telematica del Cnr di Pisa (Iit-Cnr) dove è nato il progetto “Mobipool”, un servizio di “car pooling” nato nell’ambito del progetto Europeo Mobiwallet e frutto della collaborazione tra l’ Iit-Cnr, il Massachussetts institute of technology (Mit) Senseable City Lab ed Enel Foundation, in partnership con la Scuola Superiore Sant’Anna.

L’obiettivo di Mobipool è duplice. Da un lato, rispondere alle esigenze di mobilità specifiche di comunità di utenti, mettendo a disposizione un servizio di mobilità condivisa progettato appositamente per risolvere i problemi più pressanti della comunità a cui viene offerto. Dall’altro, contribuire alla realizzazione di un “car sharing living lab” che permetterà di studiare per la prima volta la relazione tra due componenti fondamentali della nostra vita quotidiana: mobilità e rete sociale.

Di mobilità sostenibile e smart mobility parleremo nella puntata di Aula 40 di giovedì 10 marzo, dalle 10, sempre sulle frequenze di Punto Radio (91.1-91.6) e in streaming sulla Cnrweb Tv, con:
  • Giuseppe Forte, Assessore alla Mobilità Urbana del Comune di Pisa;
  • Domenico Laforenza, Presidente dell’Area della Ricerca Cnr di Pisa e Direttore dell’Istituto di Informatica e Telematica del Cnr (Iit-Cnr);
  • Maria Elena Renda, Ricercatrice dell’Istituto di Informatica e Telematica del Cnr di Pisa;
  • Paolo Santi, Primo Ricercatore dell’Istituto di Informatica e Telematica del Cnr, e ricercatore scientifico presso il Senseable City Lab del MIT dove dirige la MIT-Fraunhofer Ambient Mobility Initiative.

In collegamento telefonico:

  • Daniela Di Rosa, Ricercatrice dell’Enel Foundation. Si occupa di innovazione e sviluppo sostenibile.

Stay tuned!

puntata11